movimento5stelletreviso.it treviso tour dei quartieri

Tour dei quartieri 2017 M5S Treviso – Sintesi e linee guida

Era il 25 febbraio di quest’anno quando cominciò il “Tour dei quartieri” dei GrilliTreviso – attivisti del MoVimento 5 Stelle con l’obiettivo di incontrare i cittadini e discutere le proposte e le problematiche dei loro quartieri.

movimento5stelletreviso.it treviso canizzano sicurezza stradale semafori

Partiti i lavori di installazione del semaforo in Strada di Canizzano

Difficilmente l’intervento metterà in sicurezza un’arteria pericolosissima, già teatro di molti incidenti

Con un ritardo di almeno 6 mesi sono iniziati i lavori di installazione del semaforo in Strada di Canizzano, parte di un annunciato piano del Comune di (presunta) messa in sicurezza del quartiere. Meglio tardi che mai si dirà. Già, ma molti sono gli aspetti discutibili dell’opera. Rinfreschiamoci la memoria ripercorrendo cosa è avvenuto negli ultimi mesi.

movimento5stelletreviso.it treviso wi-fi

Gentilini toglieva le panchine, Manildo toglie il Wi-Fi

Il Comune di Treviso ha deciso di sopprimere il collegamento wi-fi pubblico dalle piazze S. Vito e Borsa e dai giardini di Sant’Andrea.
Tale drastica decisione sarebbe motivata dal tentativo di evitare eccessive concentrazioni di migranti che sfruttano il wi-fi con i propri smartphone. Si tratta di un problema di decoro urbano? Di ripristino della sicurezza?

movimento5stelletreviso.it - StopCeta - Stop TTIP

CETA: fra danni sicuri per le aziende italiane e trevigiane e posizioni imbarazzanti della giunta Manildo

Il Senato italiano si appresta a ratificare, il prossimo 25 luglio, il CETA, l’“Accordo Economico e Commerciale Globale” che in sostanza altro non è se non un trattato di libero scambio tra Canada e Unione Europea molto simile al famigerato TTIP. Gran parte del Pd, insieme a Forza Italia e ad altri gruppi parlamentari intende dare il via libera a tale accordo.

movimento5stelletreviso.it gazebo di quartiere chiesa votiva ca foncello treviso

Chiesa votiva – Ca’ Foncello: problemi di oggi, preoccupazioni per il futuro

Sabato 15 luglio il tour dei quartieri dei GrilliTreviso è approdato nella zona Chiesa votiva – Ca’ Foncello.

Le istanze dei cittadini venuti a trovarci al banchetto possono essere suddivise in segnalazioni di disfunzioni da una parte e di preoccupazioni per il futuro dall’altra. Queste ultime riguardano soprattutto la “cittadella della salute”, che molti cambiamenti porterà in quest’area, specialmente per quel che riguarda l’intensità del traffico, già oggi notevole e problematica.

Gazebo Sant' Antonino Treviso

Sant’Antonino e la viabilità: stato attuale e preoccupazione per il futuro.

La diciottesima tappa del tour dei GrilliTreviso, sabato 8 luglio ha toccato Sant’Antonino, il quartiere più piccolo di Treviso che conta 2185 residenti ed è tagliato in due dalla famosa “Jesolana”, la strada che porta verso il mare.

Sant’Antonino è senz’altro un quartiere tranquillo, ma parlando con i residenti che si sono presentati al nostro banchetto informativo, sono emerse delle preoccupazioni sul tema della viabilità, e in particolare su via Pasteur e sull’incrocio tra via Pasteur e via Sant’Antonino.

Ca Foncello Ospedale Treviso

Ospedale di Treviso: tra disservizi, progetti e proposte

Era il febbraio 2017 quando il gruppo GrilliTreviso, in risposta all’invito rivolto da alcuni cittadini di Treviso ad interessarsi alla gestione e alla conduzione dell’ospedale Ca’ Foncello, ideava un questionario on line per poter raccogliere in modo adeguato le diverse segnalazioni di criticità ed effettuare un’analisi approfondita degli aspetti positivi e di quelli negativi.

La competenza della sanità è della Regione Veneto ma è pur sempre un servizio al cittadino del Comunale di Treviso e ci è parso coerente con la nostra missione intraprendere un approfondimento coinvolgendo i cittadini.

Treviso Piazza dei Signori Palazzo Prefettura

Vendita del palazzo della Prefettura: il gioco vale la candela?

Non sono pochi i dubbi che lascia la vicenda dell’alienazione del palazzo della Prefettura, che il sindaco Manildo sta portando a compimento. Se da un lato è vero che i costi di restauro e gestione di un palazzo del genere sono assai elevati e difficilmente sostenibili, in un momento storico come quello presente, da parte di un Comune, dall’altro è anche vero che lascia alquanto perplessi la maniera con cui è stata condotta l’operazione.